Luoghi di Interesse

//Luoghi di Interesse
Luoghi di Interesse2019-01-28T22:24:43+00:00

Si parte dalla Città del Concilio, così spesso ricordata per uno degli eventi più importanti della storia, non solo religiosa, d’Europa. Trento tra il 1545 e il 1463 fu al centro dei cambiamenti riassunti con il nome di Controriforma, cioè la reazione della chiesa romana al dilagare del protestantesimo di M. Lutero.  Scendendo lungo l’Adige si arriva in breve a Rovereto, sede di importanti musei. Si continua a seguire la direttrice Claudia Augusta fino a Pastrengo ove si incontra la Via Postumia (un’altra Consolare romana che collegava Aquileia e Genova): su di essa si percorrono alcune tappe verso Peschiera e Mantova.

La pianura Padana, dal  Lago di Garda a Modena viene attraversata costeggiando i grandi fiumi Mincio, Po, Secchia: per molti secoli (e fino a pochi decenni fa) le vie d’acqua erano usate in quelle zone per le comunicazioni più ancora delle strade terrestri. Da  Modena e Sassuolo partivano nel ‘700 i due “bracci” della Ducale via Vandelli. Questa strada, che innovò il modo di costruire le strade, collegava la capitale del Ducato Estense con il Mar Tirreno (Massa). Entrambi i tracciati sono paesaggisticamente molto interessanti, e consentono una piacevole, graduale salita fino a Pavullo nel Frignano. Qui inizia il Cammino devozionale di San Bartolomeo che unisce diversi luoghi dedicati all’Apostolo, tra cui Fiumalbo e Cutigliano, arrivando infine alla chiesa a lui intitolata a Pistoia.

Il tragitto toscano, da Pistoia ad Arezzo, presenta un nuovo scenario sia dal punto di vista naturalistico che dal punto di vista storico-artistico. Dolci colline, balze  e fiumi su cui la storia si è specchiata per millenni. Le prime strade furono etrusche, riprese e sviluppate magistralmente dai romani: in particolare la Cassia e le sue tante derivazioni. Si possono qui incontrare, in pochi km, testimonianze di quelle epoche, ma anche ville e monumenti medievali e rinascimentali, fino ad elementi di archeologia industriale di solo pochi decenni orsono, che si stanno recuperando mirabilmente a nuove funzioni sociali, come a Prato.

Lungo il cammino si incontrano suggestivi luoghi di culto sia nelle città (ad esempio le Reliquie di Pistoia e Prato), sia in luoghi più appartati, come i santuari mariani Madonna della Corona, Madonna delle Grazie, Madonna del Frassino, Madonna di Puianello, Chiesa di Maria Teotokos a Loppiano.

Ma la VIA non riserva solo interessanti emergenze artistiche e naturalistiche: i territori attraversati sono famosi anche per le eccellenze produttive agricole e industriali odierne, famose nel mondo intero: formaggi (grana padano e parmigiano reggiano, pecorini), vini e olii (lambrusco, chianti, olio del Garda e toscano), grande salumeria e gastronomia (zamponi, prosciutti, salami, aceto balsamico); motori (Ferrari e Maserati), moda (si lambiscono le sedi di alcune delle più importanti griffes italiane), ceramica.